Disco Idraulico Interfilare per Trinciatutto
Sicma

Disco Idraulico Interfilare per Trinciatutto

10/05/2021

Controllo infestanti con l'utilizzo del trinciatutto in combinazione con il disco interfilare.

La gestione delle erbe infestanti anche coltivate necessita di razionalità: i mezzi meccanici che effettuano taglio e lavorazione del terreno sono strumenti di controllo delle malerbe economici, efficaci, rapidi e senza impatto ambientale, tipico dei diserbanti chimici. 

Il loro uso (e degli antiparassitari in genere) è sempre più problematico sia per ragioni ambientali (alterazione delle catene alimentari, riduzione della biodiversità, qualità dell’acqua, salute umana, peggioramento della qualità del suolo), sia perché favorisce l’insorgenza di malerbe (e altri parassiti) resistenti. 

Per l’agricoltura biologica invece, il controllo fisico o meccanico rappresenta l’unico sistema ammesso, che pur richiedendo un maggior numero di interventi nelle giuste finestre temporali, apporta indubbi vantaggi alle coltivazioni e alla qualità dei prodotti.

Le erbe spontanee nelle aree coltivate sono contrastate perché possono generare una serie di problematiche:

  • Competizione per acqua e nutrienti; 
  • Serbatoio per parassiti e malattie; 
  • Distribuzione di semi per la diffusione delle malerbe stesse; 
  • Interferenza per effetto barriera con le operazioni meccaniche come la concimazione e i trattamenti contro parassiti; 
  • Interferenza nelle operazioni di raccolta, che diventano più difficoltose e lente; 
  • Contaminazione dei raccolti; 
  • Competizione verso specie erbacee coltivabili tra le interfile della coltura; 
  • Peggioramento della qualità dei frutti; 
  • Creazione di microclima umido e poco arieggiato che favorisce lo sviluppo di funghi patogeni; 

Il disco interfilare si può impiegare sia per completare il lavoro sulla fila fatto con altri utensili, sia per sfalciare in modo rapido le erbe infestanti sotto il ceppo. 

  • Il taglio dell’erba consente di mantenere l’altezza del cotico erboso ad un’altezza gestibile con il minimo disturbo al suolo. La scelta del momento di intervento va fatta in base all’obiettivo agronomico (ad es. evitare che l’erba vada a seme). 
  • Il taglio alto piuttosto che il taglio raso permettono rispettivamente il favorevole sviluppo di specie utili a scapito di altre. 
  • Il taglio dell’erba, se fatto da solo, va eseguito frequentemente per ridurre la competizione nelle file.
  • Il disco interfilare permette la pratica del mulching: il materiale organico tagliato viene lasciato sulla superficie per sopprimere lo sviluppo di infestanti diverse, sfruttarne l’effetto ombreggiante e, grazie alla decomposizione dei residui lasciati sul terreno, arricchisce il suolo di utili elementi nutritivi. 

Dal punto di vista operativo occorre considerare alcune criticità:

  • La velocità di avanzamento è bassa (circa 3 km/h), specie su impianti giovani e fitti che se non adeguatamente protetti possono subire danni. 
  • Inoltre la pulizia in corrispondenza del ceppo e dei pali non sempre risulta completa, per via del raggio d’azione limitato dei coltelli che non riescono a raggiungere le piante aderenti al ceppo. 

Scopri i modelli dei nostri trinciatutto che possono montare il Disco Idraulico Interfilare in versione a rientro a molla o con tastatore idraulico:

Trinciatutto TRX

Trinciatutto TSN