Inerbimento a filari alterni: una moderna tecnica di gestione del terreno
Sicma

Inerbimento a filari alterni: una moderna tecnica di gestione del terreno

12/01/2023

La tecnica colturale dell’inerbimento (conosciuta anche come pacciamatura viva) consiste nel mantenere sul terreno di arboreti, frutteti e vigneti una copertura erbosa – spontanea o seminata – gestita mediante operazioni di sfalcio come alternativa più economica, naturale e rispettosa dell’ambiente rispetto alla lavorazione e al diserbo integrale.

 

Filare inerbito

 

Nei vigneti la lavorazione completa del suolo rimane una delle principali tecniche di gestione, sebbene sia da condurre con attenzione dal momento che lascia il terreno esposto all’azione degli agenti atmosferici che favoriscono l’erosione e la perdita di fertilità. Inoltre, frequenti lavorazioni portano ad un compattamento del terreno al di sotto dello strato lavorato, noto come “suola di lavorazione”.

Per questo, sempre più spesso si adotta una gestione con inerbimento parziale che, nel caso specifico del vigneto, è realizzato a filari alterni.

Lavorazione a file alternate

L’inerbimento parziale permette di ottenere una serie di vantaggi:

  • Difende il suolo dai fenomeni di erosione; soprattutto sui terreni collinari il filare inerbito trattiene il terreno evitando frane e smottamenti.
  • Regola la conservazione dell’acqua nei periodi estivi, in quanto la parte inerbita crea uno strato isolante che limita l’evaporazione dell’acqua mentre il terreno lavorato la assorbe maggiormente durante le piogge.
  • La presenza del manto erboso favorisce la formazione di un habitat nel quale insetti e microorganismi contribuiscono all’equilibrio biologico e alla disponibilità di elementi nutritivi.
  • Arricchisce il suolo di sostanza organica e lo rende naturalmente più fertile.
  • Migliora la struttura del terreno, evitando aspetti negativi come il compattamento e donando una porosità maggiore e una migliore portanza. Tutto questo si traduce in un aumento dell’aerazione degli strati più profondi che previene i problemi di carenza di ossigeno alle radici.
  • Facilita il passaggio dei mezzi soprattutto dopo i periodi di pioggia.
  • Permette di seminare erbe selezionate e specifiche per tenere sotto controllo le infestanti con le quali entrano in competizione evitando di ricorrere al diserbo chimico.

 

Vigneto inerbito

 

Il rispetto di alcune semplici prescrizioni garantisce il raggiungimento di risultati soddisfacenti.

Anzitutto è necessaria una valutazione delle caratteristiche del terreno e la conoscenza del volume medio delle precipitazioni nell’area e delle specifiche necessità della coltura.

In particolare, nei periodi iniziali si dovrà prevedere un maggiore utilizzo di acqua e di concimi azotati onde evitare indebolimenti al vigneto.

Nei periodi primaverili-estivi o nei periodi caratterizzati da elevati rischi di siccità sarà necessario intervenire più frequentemente con il taglio dell’erba, evitando che la stessa raggiunga un’eccessiva altezza che comporta un aumento delle esigenze nutrizionali.

In particolari condizioni, come nei terreni poco fertili e nelle zone ad alto rischio di siccità, mantenere la superficie coperta da erbe può causare un’eccessiva competizione con le viti per la ricerca di sostanze nutritive e per l’assorbimento dell’acqua, soprattutto in assenza di un impianto di irrigazione o con limitate disponibilità idriche.

Per non rinunciare ai vantaggi dell’inerbimento tra i filari e mitigarne le criticità si può optare per l’inerbimento a filari alterni – o anche di un filare ogni due – attraverso cui si lascia un filare inerbito mentre nel successivo si effettua la coltivazione del terreno. In questo modo vengono mantenuti molti dei benefici che la gestione del terreno inerbito porta con sé, ad esempio riducendo al minimo la competizione tra la copertura erbacea e le viti, è possibile adottare questa tecnica in ogni zona climatica.

 

Inerbimento a filari alterni, vantaggi

 

Nei mesi invernali il terreno inerbito riesce a trattenere una quantità maggiore di acqua, fattore che evita la possibile erosione del filare; mentre in estate l’inerbimento contrasta l’evaporazione di acqua dal terreno.

Il coltivatore Vignamatic realizzato da Sicma semplifica le lavorazioni tra i filari, in particolare quando vi è l’esigenza di lasciarli inerbiti a file alternate. Esso consente di effettuare più lavorazioni simultaneamente, come appunto la coltivazione interfilare ad inerbimento parziale o alternato e le lavorazioni interceppo.

 

Coltivatore vignamatic a lavoro

 

Nel dettaglio, sui filari da coltivare si potrà utilizzare la macchina con la configurazione completa in cui tutti gli utensili sono operativi: in questa configurazione Vignamatic agisce come un coltivatore combinato che lavora contemporaneamente il terreno interfilare con i vomeri centrali e il sottofila (interceppi) con gli utensili laterali, effettuando il diserbo meccanico delle erbe infestanti, dissodando e mescolando il terreno incorporandovi le sostanze nutritive.

Terminata tale operazione, sollevando idraulicamente i vomeri centrali, è possibile rientrare nel filare successivo lasciandolo inerbito. Alla ripresa delle lavorazioni in questo caso del sottofila, il telaio resta nella posizione originaria mantenendo basso il baricentro e conservando la medesima altezza di lavoro, grazie al rullo posteriore a contatto con il terreno.

 

 

Vignamatic è un coltivatore molto versatile e rappresenta la migliore soluzione per eseguire più operazioni tra i filari con un solo macchinario.

 

Archivio articoli
I rotori elicoidali dei trinciatutto Sicma: efficienza e affidabilità
24/03/2023
Fresatrice per le coltivazioni di mais: nuova Sicma RX-Mais
17/02/2023
Inerbimento a filari alterni: una moderna tecnica di gestione del terreno
12/01/2023
Coltivatore interfilare e interceppi Vignamatic
07/11/2022
Utensili e rotori per fresatrici e trinciatutto Sicma: qualità e alte prestazioni
01/09/2022
Trincia argini e trincia laterali: macchine per tutti gli utilizzi
26/07/2022
Le dischiere nella lavorazione del terreno interfila: tipologie e caratteristiche
03/06/2022
Concimare e interrare i fertilizzanti nel terreno
13/04/2022
Eliminare le erbacce e le infestanti con il minimo impatto ambientale: il diserbo meccanico
24/03/2022
Fresatrici Sicma: optional e personalizzazioni
09/02/2022
Baulatrici per ortaggi Sicma, potenzialità e benefici
11/01/2022
Trinciatutto Sicma: macchine robuste pensate per durare nel tempo
22/12/2021
L’Interceppo Sicma: un successo oltre le aspettative
25/11/2021
Sicma a EIMA 2021: tanto ottimismo e un premio per l'innovazione
26/10/2021
Erpici Rotanti Sicma: una gamma sempre più ricca
13/09/2021
Fresatrici e zappatrici Sicma: dettagli di robustezza e performance
10/09/2021
Sicma: sinonimo di Affidabilità, Durata e Servizio
22/06/2021
Agricoltura biologica e lavorazione minimale: Zappatrici BIO
22/06/2021
Disco Idraulico Interfilare per Trinciatutto
10/05/2021
Lavorare il vigneto con l’interfilare: breve guida operativa
24/03/2021
DM e DH, l’interceppo versatile della SICMA protagonista nell'articolo di Macchine Agricole Domani di Agosto 2020
06/08/2020
Articolo di Abruzzo Magazine - SICMA: la meccanica agricola conosciuta in tutto il mondo
29/05/2020
SICMA Magazine, il primo numero del nostro giornale aziendale! Scopri tutte le novità
10/10/2019
SICMA compie 50 e festeggia all'Eima di Bologna 2018
19/11/2018
Hai Finito con la Potatura? È Ora di Trinciare!
05/07/2017
Vini di qualità per molti, la sfida di Ettore Galasso, imprenditore vitivinicolo che ha scelto Sicma
05/07/2017
Sicma, spinta continua verso qualità ed export
05/07/2017
Fresatrice e Vangatrice: qual è la differenza?
05/07/2017
L'attacco a due punti: un'invenzione dell'agricoltore (seconda parte)
05/07/2017
L'attacco a due punti: un'invenzione dell'agricoltore (prima parte)
05/07/2017
Alternanza Scuola-Lavoro: InSicma InSieme
05/07/2017
Tutte le novità di EIMA 2016, scoprile con Sicma!
10/11/2016